mercoledì 16 marzo 2011

Emergenza - l'informazione


A chi sta seguendo con apprensione le notizie dal Giappone, consiglio di evitare tutte le fonti di informazioni italiane o comunque non giapponesi.
E' difficile sentire file di michiate come quelle che arrivano dai nostri telegiornali e giornali - nessuno escluso - in questi giorni!

Cercate di attingere alle fonti primarie giapponesi, lingua permettendo.

Ho visto TV in cinese spacciate come dirette dalla TV giapponese; l'aeroporto di Sendai spacciato per quello di Tokyo; confusione tra la situazione nel Tohoku (Nord-Est), a Tokyo e nel resto del Giappone.
Si parla di nuvole radioattive su Tokyo: per ora una stupidata galattica.
Per non parlare della massa di complottisti partita senza freno (gli stessi delle scie chimiche per intenderci).

Purtroppo l'innato sensazionalismo e ricerca del raccapricciante sta coprendo la realtà dei fatti (che sotto certi aspetti sono anche peggio...).

Fonti di informazione primare
Riporto alcune fonti di informazioni primarie, in inglese

Streaming in diretta della NHK World (TV nazionale giapponese)
http://www3.nhk.or.jp/nhkworld/
(chi ha Sky la trova sul canale 533)

Asahi Shimbun in inglese su FB
http://www.facebook.com/AJW.Asahi
(Non è il solito gruppo di cazzari di Facebook, ma la redazione internazionale dell'Asahi Shimbun che ha scelto di usare FB per rapidità di pubblicazione. Non serve account FB per leggerla.)

YokosoNews
http://yokosonews.com/live
(YokosoNews è una TV on line che sta facendo un egregio lavoro di copertura h24)

Kyodo
(Una delle maggiori agenzie stampa nipponiche)

Press release della TEPCO 
(Tokyo Electric Power Company, che gestisce le centrale di Fukushima.  Chiaramente, in quanto parte MOLTO in causa, va pesata. Va riconosciuto comunque che aggiornano costantemente. Quello che fa più paura è che è evidente che non sappiano cosa fare sul medio/lungo termine per chiudere l'emergenza)

Informazioni ufficiali del Ministero degli Esteri italiano
..da notare comunque la differenza con il più pragmatico e meno mammone Foreign & Commonwelth Office britannico (che però sta fecendo di più per i connazionali sul posto...)
Per il MdE è in pericolo l'intero Giappone. Per il FCO è la zona di Tokyo e Nord-Est (il Giappone è lungo 2000 Km, solo considerando le 4 isole maggiori!!!). 
Così stanno terrorizzando le famiglie di tutti gli espatriati, anche tutti quelli che stanno nel Kansai o più in basso, che manco s'erano accorti della scossa e non corrono nessun rischio anche nel "worst-case scenario" alla centrale di Fukushima.

BTW...
Stesso discorso vale per la carenza di energia: si dimenticano di dire che il Giappone è tagliato in due per l'uso di una diversa frequenza di corrente alternata, quindi il sud non ha carenze, ma nello stesso tempo non può fornire energia al nord può fornire energia al nord solo tramite poche e limitate stazioni di conversione (da non credere, ma è proprio così...)


Gente comune
Per avere idea dell'impatto reale sulla vita della gente comune, in particolare nella zona di Tokyo, consiglio di seguire le *testimonianze costanti dei nostri connazionali* che vivono da quelle parti, parlano la lingua e sanno come informarsi (in personale ordine decrescente di aggiornamento e informazioni fornite):
http://imonologhi.blogspot.com/ (Titti è una giapponese che parla bene italiano e vive ad Osaka)
(man mano che me ne vengono in mente ne aggiungo)
http://www.butta.org/ (Un ricercatore italiano a Fukuoka)


Donazioni

Per chi vuole fare donazioni, io consiglio di farle direttamente a chi opera sul posto. In particolare la Japan Red Cross.
http://www.jrc.or.jp/english/relief/l4/Vcms4_00002070.html

Non per sfiducia, ma passando dalla Croce Rossa Italiana (stanno pubblicizzando l'SMS per donare 2€), c'è un inutile intermediario e il rischio che i soldi vengano incamerati per la gestione ordinaria della CRI (ora mi becco una querela...)

Per chi ha già attivo Google Checkout (chi ha un telefono Android e ha acquistanto anche una sola App dal Market ce l'ha) ho già segnalato l'iniziativa di Google, che permette di fare anche piccole donazioni al volo (min 100Y=88cent).
http://www.google.com/crisisresponse/japanquake2011.html



Riguardo ai giornalisti italiani, vorrei togliere dal calderone Pio D'Emilia, che si è avventurato con giornalisti stranieri sul luogo del disastro e sta facendo degli ottimi servizi per Sky TG 24.
(non tolgo dal calderone il resto di Sky TG 24)


[Aggiunta 16-mar 11:45 CET]
A titolo di esempio segnalo questo post su un articolo del Corriere
http://tokyo40hrz.wordpress.com/2011/03/16/il-caos-calmo-di-tokyo-in-fila-per-fuggire-sul-treno
(Chi scrive vive a Tokyo ed è li in questo momento; riporta e risponde ad un articolo del Corriere)

[aggiunta 14:08 CET]
Fox News riesce a collocare una centrale nucleare in una discoteca di Shibuya
http://mediamatters.org/blog/201103140036
(ok... sono in palla)
(magari questa è una bufala, ma era per sdrammatizzare)

[aggiunta 15:40 CET]
Questa è la rilevazione fatta da quelli della Protezione Civile appena arrivati a Tokyo
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2011/03/16/visualizza_new.html_1555192505.html
(fonte: ANSA)

[aggiunta 15:52 CET]
Esempio di idiozia: foto di giapponesi in fila alla stazione, con le mascherine, con didascalia "Esodo da Tokyo"
http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/primopiano/2011/03/16/visualizza_new.html_1555222426.html
(qualcuno spieghi a questi come funzionano file e mascherine per il raffreddore, in Giappone. Si degnino anche di sentire qualcuno sul posto prima di scriver cazzate)

[aggiunta 17-mar 7:00 CET]
Giusto perché qualcuno considera le notizie anti-isteriche come pro-nucleari, riporto questo articolo dell'Asahi Shimbun (in inglese)
http://www.asahi.com/english/TKY201103160155.html
(persino il Giappone si sta facendo venire qualche dubbio sulla politica nucleare)
L'Asahi Shimbun ha pubblicato altri editoriali di questo tipo sulla loro pagina FB (purtroppo non riesco a linkare direttamente l'articolo, bisogna scorrere un po')

[aggiunta 7:16 CET]
L'ultima comunicazione dell'Ambasciata italiana ai connazionali
http://www.ambtokyo.esteri.it/Ambasciata_Tokyo/Archivio_News/InformazioniAiConnazionali_1703_1030.htm
(da riconoscere che i comunicati dell'Ambasciata sono tutti molto pragmatici. Niente telefonate disperate a "Peppe il pizzaiolo", come vorrebbe far credere il Corriere)

15 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie infinite!!!
Insultare il proprio paese natale non è una gran bella cosa..ma in questo caso ci starebbe proprio bene!!

Maura

Anonimo ha detto...

Cara Maura
Il paese natale non si sceglie. Quindi ritengo si possa parlarne male, specialmente quando si e' costretti a fuggirne per poter vivere una vita decente.

Chiara ha detto...

Ciao!Grazie per il tuo post.Io non ti nego che oltre ad essere molto preoccupata sono anche combattuta sul da farsi. Le notizie sono così contrastanti.... Ho paura che ascoltando quelle negative mi perderò una grande occasione, ma ascoltando quelle positive potrei mettere a rischio la mia salute. Di getto mi verrebbe da dire che per un viaggio di piacere non vale la pena di stare ad arrovellarsi il cervello, dall'altra penso ai soldi del biglietto che butterei nel pattume dato che l'Alitalia non mi rimborsa né mi fa modificare. Al di là del fattore radiazioni, bisogna tener presente che lo spostamento da narita a Tokyo è ancora praticamente bloccato. Lo Skyliner e il N'ex sono fermi. C'è solo il limousine bus che impiega un sacco di ore a fare 70km. Poi a Tokyo la situazione è un pò complicata, tra black out e supermercati vuoti. Inoltre io ho il dubbio dell'acqua: anche se la centrale di Fukushima è distante, lì comunque le radiazioni ci sono. E' piovuto e quindi dette radiazioni sono state assorbite dalla terra e finiranno anche nei corsi d'acqua. I giapponesi sono soliti a bere anche molta acqua del rubinetto. Questo ciclo non ti porta ad assumere acqua contaminata anche se si risiede molto distanti. La mia domanda può essere stupida, ma parlo da ignorante!

Nicus ha detto...

Ciao Chiara
(scusa se non ho risposto alla tua mail, ora lo faccio)
sull'evitare di andare a Tokyo in questo momento non ci piove.
I problemi sono oggettivi.

BTW: L'Ambasciata comunica che da domani tutti i voli Alitalia su Tokyo sono dirottati so Osaka (ma ovviamente Alitalia non dice ancora niente a chi ha i biglietti, penso aspettino il giorno prima).

Chiara ha detto...

Figurati! Non preoccuparti per la risposta! Immagino tu abbia ben altri pensieri! Comunque al 4 mancano ancora 18 giorni. Aspetterò che l'alitalia decida qualcosa in merito.

disma ha detto...

Oh che bello, un altro blog che fa informazione sul Giappone! Ciao, disma

Nyu ha detto...

Grazie per tutte queste chiare informazioni.. a volte non si sà davvero dove sbattere la testa per sapere qualcosa!

la donna camel ha detto...

Son capitata qui su indicazione di Mauroppi e guarda chi ci trovo :)
Grazie per le indicazioni, c'è fame di notizie vere. Vi ho condiviso su FB, spero non vi dispiaccia
Ciao
Bianca

Nicus ha detto...

Ciao Bianca
figurati!
Grazie del link

Camicius ha detto...

Aggiungerei tra le fonti primarie http://www.butta.org, sito di un ricercatore italiano di stanza a Fukuoka

Nicus ha detto...

Quoto la chiusura dell'ultimo post sul blog di Disma: "Basta sensazionalismo, anche perché ciò che sta accadendo è già sensazionale di per sé, senza bisogno di aggiungere nulla."

Blueberry ha detto...

Grazie Nicus, io dovrò partire il 1° di aprile, purtroppo mi dirottano su osaka e dovrò vedere di cambiare itinerario e prenotazioni.
Buona continuazione!

Titti ha detto...

anche secondo me i media italiani sono un po' esagerati...
ma anche qui in giappone ora ci sono tante dicerie, dobbiamo esaminare bene le informazioni...

almeno qui ad osaka, stiamo vivendo normalmente...

Anonimo ha detto...

beh, esagerazioni... sì, c'è stata tanta informazione gridata su toni emotivamente alti, ma alla fine l'incidente di Fukushima è livello 7, stesso di Chernobyl.
Proprio tanta esagerazione non sembra che ce ne sia stata, quindi, e neppure troppa prontezza del Giappone ad ammettere il disastro.
ora come ora nel consiglio di dar per buone solo le fonti giapponesi decisamente non mi ci ritrovo più tanto.

Nicus ha detto...

@Anonimo:
Visto che i nostri media continuano in molti casi a inventare di sana pianta, mi pare che il problema dell'informazione sballata sussista ancora.

Poi non facciamo l'errore di applicare l'equazione Scremare le esagerazioni = Minimizzare.